LATINA, 6-7-8-9-10 DICEMBRE 2019, XIV EDIZIONE

13° Festival Pontino del Cortometraggio – Premiazioni, Premi e Menzioni

BEST INTERNATIONAL SHORT FILM AWARD
by the Technical Jury
to the director Maria Mavati for the short film Mother

For its screenplay with its delicate and moving tones, which touch on long-standing political problems and which concern history and ethnic conflicts, often confused and authorised by religious radicalism; for its photography, which has been edited with a poetic touch and is capable of expressing the heartbreaking feeling of pain of an entire region of the globe, becoming an emblem and allegory of evil and of the senseless fratricidal struggle; for the editing, skilfully aimed at a dramatic syntax, which evokes tragic theatre; for the interception of actresses, mother women and daughters, which is tenaciously conducted to the point of empathically questioning spectators on the fate of men and women, brutally sacrificed by the inhumanity of force; finally, for the direction distilled with extreme technical skill and that never yields to the manner or to narcissistic exhibitionism, but masterfully conducted, through a conscious and skillfully dosed use of shooting techniques, to the full and convincing cohesion of the landscape element with the filmic narration and the soundtrack, without overshadowing the acting skills.

Motivazione Giuria per Migliore Cortometraggio Internazionale

Per la sceneggiatura dai toni delicati e commoventi, che toccano annosi problemi politici e che attengono alla storia e ai conflitti fra etnie, spesso confusi e autorizzati da radicalismi religiosi; per la fotografia curata con tocco poetico e capace di esprimere il sentimento straziante di dolore di un’intera regione del globo terrestre, divenendo emblema e allegoria del male e della insensata lotta fratricida; per il montaggio sapientemente volto ad una sintassi drammatica, che rievoca il teatro tragico; per l’interpretazione delle attrici, donne-madri, fanciulle-figlie, che viene tensivamente condotta fino a interrogare empaticamente gli spettatori sul destino di uomini e di donne, sacrificati brutalmente dalla disumanità della forza; infine per la regia distillata con estrema perizia tecnica e che mai cede alla maniera o all’esibizionismo narcisistico, ma magistralmente condotta, attraverso un consapevole e abilmente dosato uso delle tecniche di ripresa, alla piena e convincente coesione dell’elemento paesaggistico con la narrazione filmica e la colonna sonora, senza mettere in secondo piano le abilità attoriali, il premio per il corto internazionale viene conferito unanimemente al film della giovane regista iraniana Maria Mavati, “Mother”.

________

PREMIO MIGLIOR CORTO ITALIANO
by the Technical Jury
al Regista Marco Calvise per il corto Non Temere

Il film racconta, con una essenzialità fredda e tragica, e nel contempo con uno sguardo interiore carico di pathos , la realtà di una vita persa nel nulla della memoria e privata di ogni relazione se non quella della necessità. Il luogo in cui il protagonista si muove alla ricerca di sè è lo stesso luogo in cui si trova prigioniero nel corpo che solo talora riconosce e controlla. Una regia che mette in risalto la difficile relazione con se stessi e con il dissolversi della vita e una interpretazione che genera nello spettatore un processo empatico fino alla condivisione del dolore finale fanno sì che il film sia significativo nel rappresentare una condizione umana.

________

PREMIO MIGLIOR CORTO SOCIALE
BEST SOCIAL SHORT FILM AWARD
by the Technical Jury
al Regista Gonzaga Manso per il cortometraggio Adivina

Un cortometraje animado, con tonos fabulosos y tonos de realismo mágico, para una narración altamente estudiada, llena de diálogos persuasivos y realmente perturbadores, inherente a un tema social que ha atraversado toda Europa, desde la antigüedad clásica, llegando a las reflexiones freudianas más audaces: la relación padre-hija lleva al desconcierto, pero con gracia. La fotografía, los movimientos de la camara, el sonido y la mezcla de idiomas y estilos cinematográficos hacen del trabajo del joven director Gonzaga Manso un juego artístico.

Motivazione Giuria Migliore cortometraggio categoria “sociale”

Un cortometraggio vivace, dai toni favolosi e da realismo magico, per una narrazione studiatissima, ricca di dialoghi persuasivi e sinceramente conturbanti, inerenti un tema sociale che attraversa l’Europa intera, fin dall’antichità classica, giungendo alle più ardite riflessioni freudiane: il rapporto padre-figlia, induce allo smarrimento con grazia. La fotografia, i movimenti di macchina, la colonna sonora e la mistione di linguaggi e di stili cinematografici rendono un gioco artistico il lavoro del giovane regista Gonzaga Manzo “Adivina”, che ottiene il premio come migliore cortometraggio categoria sociale.

________

MENZIONE SPECIALE MIGLIOR CORTO LAZIO
by the Technical Jury
al Regista Daniele Stucchi per il cortometraggio Stai Sereno

Motivazione Giuria per la menzione del migliore cortometraggio “Lazio”:

Il corto Stai sereno di Daniele fa una fotografia perfetta dell’Italia di oggi, raccontando il dramma della crisi economica. La regia riesce in pochi minuti a dare una visione intima e profonda, narrando due vite all’apparenza diverse, ma che dietro la maschera dell’inganno rivelano la durezza di una società esausta e fallace. Il titolo provocatorio racchiude da un lato il fallimento della politica del “fischietto per cani” dall’altro l’ironia spudoratamente italiana che spera in un epilogo positivo.

________

SPECIAL MENTION BEST SHORT FILM CATEGORY WOMEN
by the Technical Jury
to the Director Grigory Kolomytsev for the short film “Мария” (Maria)

A theme that expresses the social, cultural and political unease of contemporary civilization: terrorism, narrated in a new and original way, through the special and very hard relationship between mother and son, Thus, it is the cornerstone of a work dramatically expressed by a director, who privileges the first and very first level, the field and the counter-field, the synthesis. From a so far away Russia and so close at the same time, the special mention goes to the short film by Grigory Kolomytsev “Мария” (Maria).

Motivazione Giuria per la menzione del migliore cortometraggio categoria “Donna”:

Un tema che esprime il disagio sociale, culturale, politico della civiltà contemporanea: il terrorismo, narrato in modo inedito e originale, attraverso il rapporto speciale e durissimo fra madre e figlio, è il cardine di un lavoro drammaticamente espresso da una regia, che privilegia il primo e primissimo piano, il campo e controcampo, la sintesi. Da una Russia lontanissima e al contempo tanto vicina, la menzione speciale va al cortometraggio di Grigory Kolomytsev “Мария” (Maria).

________

MENZIONE SPECIALE MIGLIOR CORTO PRESS PER LA CATEGORIA SOCIALE
by the Media/Press Jury
to the short film The Death of The Author di Federica Pacifico

Originale, brillante e grottesco come solo i veri artisti sanno essere.

________

MENZIONE SPECIALE MIGLIOR CORTO GIOVANI
by the Students Jury
to the short film Mattia sa Volare di Alessandro Porzio

Ha saputo trattare la sessualità nella disabilità in modo originale e delicato, un film che ci invita a riflettere.


GRADUATORIA VOTI DEL PUBBLICO IN ORDINE RISPETTO ALLE PERCENTUALI RELATIVE SULLE SINGOLE SERATE

PUBLIC VOTES IN ORDER RESPECT THE PERCENTAGES RELATED TO INDIVIDUAL EVENING

% ABSOLUTE% RELATIVE
24,22535211100%<<<< TOTALI
38,30985915100%<<<< TOTALI
10,7042253528,57142857%MOTHER
by Maria Mavati
IRAN
9,8591549326,31578947%ITALIAN MIRACLE
by Francesco Gabriele
ITALIA
9,01408450723,52941176%ADIVINA
by Gonzaga Manso
SPAGNA
5,07042253520,93023256%ALAN
Mostafa Gandomkar
IRAN
4,50704225418,60465116%NEL SUO MONDO
by Cristian Scardigno
ITALIA
4,22535211317,44186047%EL ANDAR DEL BORRACHO
by Pol Armengol
SPAGNA
6,19718309916,17647059%MARIA
by Grigory Kolomytsev
RUSSIA
5,91549295815,78947368%MATTIA SA VOLARE
by Alessandro Porzio
ITALIA
3,3802816913,95348837%UNE BONNE AFFAIRE
by Laurent Ardoint, Stéphane Duprat
FRANCIA
5,07042253513,23529412%RULES
by Yassen Genadiev
BULGARIA